domenica 2 luglio 2017

OMOFONIA



       
                                                                                                                                                                                                                  
                                                                         

Ora ditemi, o voi, amanti della poesia
e della musica, delle arti figurate
e della preghiera sussurrata o recitata
sui palcoscenici danzanti delle cattedrali e dei governi,
nei parlamenti e nelle urne elettorali o nelle chiese di periferia:
quanti cittadini inermi, quante donne,
quanti bambini innocenti
siete disposti ad ammazzare,
per arraffare un cent di dollaro in più,
ad oncia,
di petrolio o di ogni altra materia prima?
La risposta omofonica ci rivela, dell’unisono,
la STECCA GENERALE dei sinonimi e dei contrari,
lo sghignazzo feroce  dei guerrafondai e dei terroristi confessi,
e dei sedicenti pacifisti
il pianto ridente,
svelato dallo  sfrigolio soddisfatto
di mani rapaci.
OMOFONIA                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                                                                                                  
Ora ditemi, o voi, amanti della poesia
and music, arts, figured and whispered prayer or recited
dancing on the stages of cathedrals and Governments,
in parliaments and in the ballot box or in the churches of the periphery: how many unarmed citizens, how many women, how many innocent children
are you willing to kill, to steal a cent of dollars more, ounce,
of oil or any other raw material?
The answer reveals to us, of unison, homophonic texture
cue GENERAL
thesaurus synonyms,
the fierce guffawha warmongers and terrorists to confess, and self-proclaimed pacifists
crying laughing,
unveiled by sizzle satisfied
rapacious hands.
 
 
 

(S.V. “DIE PRO DIE  – Poesie dello Spazio e del Tempo  – ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario della Vita umana/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra. Centro biologico operativo,   Sede provvisoria operativa del Principe Regnante e del Corpo delle Principesse Valchirie della Regina Madre Iddio, La Suprema Entità Divina, La Madre Che Vive, spose del Principe dell’Universo, il Regnante.  Città del Sole, Città dell’Universo sulla Terra, il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.            
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte.
N.B.La Collezione delle Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa, già Esposizione Storica di Opere non reperibili in commercio, di cui Sergio Valli quale fondatore della Cultura dell’Universo, la Cultura umana sulla Terra, è l’unico Ideatore, Divulgatore e Reggitore dell’omonima Scuola Sapienziale, risulta di recente entrata a far parte del Settore delle Pubblicazioni insolite e rare, disponibili esclusivamente per i Collezionisti di Opere d’Arte e per Studi universitari di ricerca superiore avanzata)



Nessun commento:

Posta un commento