sabato 20 maggio 2017

E' IL NOSTRO PRIMO GIORNO DOMANI MATTINA



 Dopo il nostro litigio di ieri,
la tua voce mi ha oggi rasserenato.
I tuoi occhi dolci di cerbiatta
erano occhi di tigre.

Perdonami per il dispiacere
che ti ho dato.
Volevo farti felice, non volevo darti
amarezza e delusione.
Ma tu mi ami, e solo questo
ora conta per me.

Tu mi ami: le tue parole ancora vibrano
di suoni magici, di melodiose certezze.

Lo hai confessato, finalmente.
Mi ami. Mary Maria mi ama, la tua voce
effonde nell'etere le clessidre degli amanti.

Vieni dunque, non lasciarmi più,
trattienimi con i tuoi sorrisi,
incantami coni tuoi occhi di luna marina,
stordiscimi con le tue labbra coralline,
incatenami alle tue braccia di pervinca.

Il tuo corpo, il mio corpo.
Ancora voleremo gabbiani
sulle sabbie e i deserti.
Ci ameremo tra gli echi e i silenzi
degli spazi inesplorati, sorvoleremo
vette di cristallo, intrecceremo
sguardi d'amore nei cieli più alti.

Mary mi ama.  Maria mi ama.
Null'altro conta,
null'altro esiste, intorno è il niente.

Così ascolto la tua musica:
la tua voce è un sorriso.

Così rinasco:
tu sei la mia aurora.
Senza tempo mi avvolgo
nelle coltri smerigliate degli anni,
risorgo nei giorni luminosi,
tu sei la metà del mio cielo.


Con ali gabbione dispiegate contro i marosi,
nei venti, voliamo nell'infinito raggiante
della materia che vive,
là dove noi viviamo.
Mary mi ama. Maria mi ama.
Null'altro vive.
La voce del gabbiano è la tua voce.
Cosa ti tratteneva dal grido?
Il mio nome sulle tue labbra è magia.
Mary, Maria mi ama. Ti ho sentita confessarlo
lieve come un bisbiglio.
Ti ho sentito pronunciarlo
dolce come un sussurro.
Ho sentito il tuo grido
alto come la cima del vento.

Ora ci ritroviamo sulla sabbia,
i corpi d'amore allacciati.
Le tue mani le mie mani,
i tuoi occhi i miei occhi,
le tue labbra le mie.


Maria, Mary mi ama. E' la raggiante stella del mattino
che nasce: E' la tua voce che canta.

Amami dunque, Mary, Maria, amore unico. La tua voce suadente
non è più una foglia, è già un ramo appeso
nell'albero della mia vita perenne.
Ti ho vista cadere con me  sulla terra
nelle notti d'agosto,
ti ho vista bruciare con me sulla sabbia.
Il desiderio espresso è stato appagato,
perché Mary Maria mi ama.

Amami dunque, amore. Ama i miei occhi
del colore del mare, ama il mio volto segnato
dai venti,
i miei capelli bruciati dal sole,
ama questo corpo rinato per te.

Ti ho vista volare con me,
tra i più alti gabbiani,
sulle ceneri di Icaro
ti ho vista librarti nel sole
con ali risorte.
Mia dolce vestale, non temere il mio fuoco,
alimentalo invece con il calore
del tuo giardino fattosi per me tempio,
e rinnova la tua confessione.
Bisbiglia, sussurra, canta, grida il tuo segreto.

Mary Maria mi ama. E' la confessione di un piccolo cuore
che palpita.
Ti ho vista cadere lieve come una lacrima,
ti ho asciugata con le mie labbra.
Non piangere perciò, sorridi invece di gioia,
e ridi, inebriati della felicità più vera.
Tu non ami un uomo che ti è anche fratello,
padre, figlio e compagno: tu ami in lui la madre,
la raggiante poesia.
Conservala in te, nel tuo cuore di donna
che ora nasce al mattino.
Sei mia, lo riannuncio. Ti ho colta come un fiore marino.
Ti amo, riamato. E' l'amore. E' l'aurora. E' la vita
che sorge.
Stringiti tra le mie braccia. Stringimi tra le tue braccia.
Dammi la tua bocca di lavanda, sigilla il tuo respiro
di acque marine, accarezza con la tua lingua di rosa
la mia lingua di madre poesia.
E' il nostro primo giorno,
domani mattina.

IT'S OUR FIRST DAY IN THE MORNING
After our fight yesterday,
your voice has me in better spirits today.
Your eyes of DOE
they were Tiger eyes.

Forgive me for the sorrow
I gave you.
I wanted to make you happy, I didn't mean to give you
bitterness and disappointment.
But you love me, and only this
now matters to me.

You love me: your words still vibrate
Magic sound of melodious certainties.

You've confessed, finally.
You love me. Mary Mary loves me, your voice
pours out into the ether hourglasses lovers.

Come then, don't leave me any more,
hold me back with your smiles,
incantami with your eyes di luna marina,
stun me with your lips,
wire me your arms to periwinkle.

Your body, my body.
Still be flying seagulls
on the sands and deserts.
We will love between echoes and silences
unexplored spaces glosses
Crystal peaks, we're going to braid
love in Heaven looks taller. Mary loves me.  Maria loves me.
Nothing else matters,
nothing else exists around is nothing.

So I listen to your music:
your voice is a smile.

Thus reborn:
you are my aurora.
No time I wrap
in Coulter sanded the years,
I rise on bright days,
you are half of my sky.

With ali gabion deployed against marosi,
in the winds, we fly in the infinite radiant
living matter
where we live.
Mary loves me. Maria loves me.
Nothing else lives.
Seagull's voice is your voice.
What was holding by the cry?
My name on your lips is magic.
Mary, Mary loves me. I heard you confess
light as a whisper.
I heard you say it
as soft as a whisper.
I heard your cry
as high as the top of the wind.

Now we find ourselves on the sand,
love connected bodies.
Your hands my hands,
your eyes my eyes,
your lips my. Mary, Mary loves me. It is the radiant morning star
born: it's your singing voice.

Love me so, Mary, Mary, only love. Your soothing voice
no longer a leaf, is already a branch hung
in the tree of my life.
I saw you fall with me on Earth
on the nights of August,
I watched you burn with me on the sand.
The wish was fulfilled,
because Mary Mary loves me.

Love me so love. Loves my eyes
the color of the sea, love my face marked by the winds,
my hair burnt by the Sun,
love this body reborn for you.

I saw you fly with me
among the highest gulls,
the ashes of Icarus
I saw you soar into the Sun
with ali resurrected.
My sweet Vestal, do not fear my fire,
keep feeding him instead with the heat
your garden made for me Temple,
and renew your confession.
Whispering, whispering, sing, shout out your secret. Mary Mary loves me.
It is the confession of a small heart
flutters.
I saw you fall slightly as a tear,
I dried my lips.
So don't cry, smile instead of joy,
and laugh, exhilarated happiness.
You don't love a man who is also brother,
father, son and mate: you love in him his mother,
the beaming poetry.
Keep it in you, in your heart of woman
It now comes in the morning.
You're mine, the re-advertising. I caught like a flower.
I love you, loved in return. It is love. It's the aurora. It's life
rising.
Hold you in my arms. Hold me in your arms.
Give me your mouth of lavender, seal your breathing
marine waters, caressing your pink tongue
my mother language poetry.
It's our first day,
tomorrow morning.

(S.V. “IL PIANETA DOMANI –” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario della Vita umana/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra. Centro biologico operativo,   Sede provvisoria operativa del Principe Regnante e del Corpo delle Principesse Valchirie della Regina Madre Iddio, La Suprema Entità Divina, La Madre Che Vive, spose del Principe dell’Universo, il Regnante.  Città del Sole, Città dell’Universo sulla Terra, il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.            
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte.
N.B. La Collezione delle Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa, già Esposizione Storica di Opere non reperibili in commercio, di cui Sergio Valli quale fondatore della Cultura dell’Universo, la Cultura umana sulla Terra, è l’unico Ideatore, Divulgatore e Reggitore dell’omonima Scuola Sapienziale, risulta di recente entrata a far parte del Settore delle Pubblicazioni insolite e rare, disponibili esclusivamente per i Collezionisti di Opere d’Arte e per Studi universitari di ricerca superiore avanzata).

      

Nessun commento:

Posta un commento