giovedì 27 aprile 2017

OGGI E' GIA' DOMANI



La nostra conversazione di oggi,
i silenzi,i no e i si del tuo cuore,
quella tua voce bambina che invia sussurri,
promesse segrete, che respinge e attrae,
che ama,sogna,accarezza,ferisce,
che risponde amore,che mi dice ti amo,
che mi dice non ti amo,ti odio,non mi importa di te,
non ti desidero,non ti amerò mai...
ma che poi mi ama,
è stata la gioia tormentata
del mio lungo giorno di attesa.

Tu vuoi vietarmi di amarti,
di pensarti,di sognarti,di desiderarti,
di baciare le tue labbra,di stringerti tra le mie braccia,
di vegliare il tuo sonno e accarezzare il tuo corpo
splendido nel risveglio.

Vuoi impedirmi di seguire la poesia alta
delle stelle più accese.

Ma come potrei non pronunciare
queste parole d'amore,
io che sono l'amore?
Io che sono Dante,Casanova,Romeo,
la struggente fiamma degli amori più grandi,
la vita che respira,i sorrisi,le gioie,
le speranze del mondo?
Eccomi,sono già in te,
nel tuo cuore.
Eccomi io sono te, sono il tuo cuore,
l'angelo,la luce e il difensore
delle tue notti,
i sogni ad occhi aperti,
il respiro delle tue attese,
l'oggetto dei tuoi desideri,
il principe vestito dell'azzurro del mare e del cielo,
il tuo sposo e il tuo compagno,il tuo fratello e il tuo amante,
la tua guida raggiante,il custode dei tuoi segreti.

Ecco, respingimi ancora,colpiscimi,
sferza con la tua voce bambina
questo mio corpo resuscitato
fatto di acqua e di sale, questo mio corpo che oggi,
in ogni istante, rinasce,
che muore,che rinasce,che ti abbraccia,
che bacia il tuo respiro,che respira il tuo sorriso,
il tuo sguardo,il tuo seno che sboccia,la tua carne,
la tua pelle vellutata,i lunghi capelli disciolti
o raccolti sulla nuca,i tuoi occhi  di  cerbiatta,
le tue lacrime,i tuoi sospiri,le tue gambe sinuose
che accendono i desideri,
le tue mani di giovane fata,la tua bocca
che dischiude il mio paradiso.
Tu sei mia,in ogni istante del giorno,
in ogni frammento più nascosto della notte.
Sei mia,da ieri,sei mia da oggi,sei mia domani:
i tuoi passi rinati sulla sabbia
me la offrono ricomposta
disegnata dai lampeggi delle sponde,
le tue mani mi accarezzano,il tuo corpo si stringe al mio,
i tuoi occhi mi cercano,mi abbracci,
la tua bocca appassionata mi dona
i baci d'argento del ritorno.

Amore,possa la mia voce librarti
nel volo più alto,    
possano le mie parole
donarti la felicità più vera,
possano i miei baci scivolare sulla tua pelle
d'alabastro come il percorso della rugiada.

Ma poi scusami,perdonami,
bacia le mie scuse e i miei perdoni,
le mie richieste e le mie preghiere,
non lasciarmi andare,
trattienimi,stringimi tra le tue braccia.

E infine sognami nella mia solitudine,
in questa tua stanza  da letto che non mi hai descritto,
in quella porta che da sinistra o da destra o di fronte
si apre solo per me
come lo scrigno segreto del tuo cuore.

E infine,se lo vuoi,scacciami,gridami il tuo rifiuto,
percuoti il mio corpo con i tuoi artigli delle ferite,
ferisci me,fai zampillare il mio sangue,
segnami delle tue ripulse,dei tuoi rifiuti,
dei tuoi odi,delle tue difese e delle tue vendette;
ma poi con le tue labbra ripercorri
ogni lembo della mia carne,ogni goccia del mio sangue,
ogni filtro del mio respiro,ogni solco della mia sofferenza;
e poni il tuo sigillo sul mio corpo,
incatenalo a te,non lasciarlo andare.
Dobbiamo ricominciare dal nostro secondo giorno,
dopo l'interruzione della terra. Ricordi?
La tua mano ha sfiorato il mio corpo,un brivido,
i tuoi occhi bellissimi avevano lo splendore
delle perle più rare.

Riprendiamo a parlarci,da quel momento,
sull'arenile e sulla sabbia,nell'infrangersi silenzioso
delle acque quiete. E che vengano pure la burrasca,
il maremoto,il maltempo. Il nostro sereno ci chiuderà
in un cerchio di luce.

Amore,tu mi rivedrai domani,io ti rivedrò domani.
La mia dimora sarà il giardino più splendente
degli universi quando tu la illuminerai.

Non importa se tu non lo vuoi.
Non importa se la tua  voce bambina dice no.
Tutto questo è già qui. Sognami.
Oggi
è già domani...
THE DAY IS ALREADY TOMORROW
Our conversation today,
the silences, no and you of your heart,
the voice of a girl who sends whispers,
secret promises that repels and attracts,
She loves, dreams, caresses, wounds,
responding love, which tells me I love you,
that tells me I don't love you, I hate you, I don't care about you,
you don't want to, don't love you never ...
but then love me,
It was the joy haunted
of my long days of waiting.

You want to forbid me to love you,
thinking about you, dreaming of you, wanting you,
to kiss your lips, to hold you in my arms,
to watch your sleep and caress your body
gorgeous in awakening.

Would you like to help follow the full poem
most lit.

But how could I not say
These words of love,
I who am love?
I am Dante, Casanova, Romeo,
the poignant mating flame larger,
the life that breathes, smiles, joys,
the hopes of the world?
I am already in you,
in your heart.
Here I am I am you, I am your heart,
the Angel, light and defender of your nights,
daydreams,
the breath of your expectations,
the object of your desires,
the Prince dressed in the blue of the sea and the sky,
your groom and your mate, your brother and your lover,
your guide to radiant, the keeper of your secrets. Behold, it'il kill me again, hit me,
lash with your child
This my body resurrected
made of water and salt, this my body that today,
in every instance, reborn,
dying, that is reborn, that embraces you,
kissing your breathing, breathing your smile,
your look, your breasts that blooms, your flesh,
your silky skin, long hair dissolved
or collected on the back of your neck, your eyes of DOE,
your tears, your sighs, your legs winding
lighting desires,
your hands of young fairy, your mouth
disclosing my paradise.
You're mine, anytime of day,
in each fragment more hidden in the night.
You're mine, since yesterday, you're mine now, you're my tomorrow:
your steps again on the sand
I offer recomposed
designed by flashes of the banks,
your hands caress me, your body tightens to mine,
your eyes seek me, hold me,
your passionate mouth gives me
Silver kisses back. Love, may my voice soar
in the highest flight, may my words
give you real happiness,
may my kisses slip on your skin
Alabaster as the path of the dewdrops.

But then I'm sorry, forgive me,
Kiss my apology and my pardon,
my requests and prayers,
Don't let me go,
hold me back, hold me in your arms.

And then dream about me in my loneliness,
in your bedroom that you described,
in that door from the left or the right or opposite
It only opens for me
as the secret of your heart.

And finally, if you want it, scacciami, holler out your refusal,
dost thou smite my body with your claws of wounds,
you hurt me, just spurt my blood,
put me down your rebuffs, waste,
of your hate, your defenses and your revenge;
but then with your lips tour
every piece of my flesh, every drop of my blood,
each filter of my breath, every Groove of my suffering;
and put your seal on my body,
incatenalo to you, don't let him go.
We need to start by our second day,
After stopping the Earth. Remember?

Your hand touched my body shivered,
your beautiful eyes had the splendor
rarest pearls.

We continue to talk to us, since then,
on the sand and the sand, the quiet lapping
quiet waters. And upon the Gale,
the tidal wave, the bad weather. Our serene there will close
in a circle of light.

Love, you see me tomorrow, I will see you again tomorrow.
My home will be the most shining garden
of the universes when you're going to light up.

It doesn't matter if you don't want that.
It doesn't matter if your voice baby says no.
All this is already here. Dream about me.
Today
It's tomorrow...
 (S.V. “IL PIANETA DOMANI” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario della Vita umana/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra. Centro biologico operativo,   Sede provvisoria operativa del Principe Regnante e del Corpo delle Principesse Valchirie della Regina Madre Iddio, La Suprema Entità Divina, La Madre Che Vive, spose del Principe dell’Universo, il Regnante.  Città del Sole, Città dell’Universo sulla Terra, il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.            
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte.
N.B.La Collezione delle Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa, già Esposizione Storica di Opere non reperibili in commercio, di cui Sergio Valli quale fondatore della Cultura dell’Universo, la Cultura umana sulla Terra, è l’unico Ideatore, Divulgatore e Reggitore dell’omonima Scuola Sapienziale, risulta di recente entrata a far parte del Settore delle Pubblicazioni insolite e rare, disponibili esclusivamente per i Collezionisti di Opere d’Arte e per Studi universitari di ricerca superiore avanzata).




Nessun commento:

Posta un commento