mercoledì 26 aprile 2017

LEI LUI AMORE DI UN GIORNO DEL NOSTRO SCONTENTO



Lei. Oggi sono stata al mare.
Lui. Beata te. Il nostro mare
è meraviglioso, stupendo…
Lei. Il nostro mare non ha eguali
nel mondo.
Lui. E’ vero. Quindi ti sei divertita…
Lei. Abbastanza, grazie.
Lui. Come sei formale!. Smettila di ringraziare, donna in attesa sul mare…E quell’abbastanza è ancora peggio in quanto a sincerità.
Lei. Cioè? Sincerità??? Mahhhhh....
Lui. Abbastanza che misura è?
Lei. Ma perchè devi mettere in dubbio
ciò che io dico?
Lui. Io metto in dubbio tutto. Questa nostra vita è un dubbio. Dicono che sia un mistero
ma semplicemente…
semplicemente inderogabilmente
inviolabilmente
è quel che è . Per cui basta dirlo. Cioè dire quel che è, ovviamente  sapendolo,
ed eccolo il nocciolo della questione:
il sapere…
Ma se il tutto è un dubbio,
il tutto nasce dal modo come io mi sono rivolto a te. Ho impropriamente usato il verbo divertire,e chiedo venia…
Ma, se ti avessi chiesto: sei stata felice?
Tu mi avresti risposto sinceramente,
oppure non avresti saputo cosa rispondermi?
Lei. Io sono stata bene…abbastanza bene.
E a me basta.
Lui. Cosa significa: sono stata bene, abbastanza bene,  e a me basta? Ancora quell’abbastanza, così vago nebuloso incerto. Io ti vedo sempre lì,
sulla riva del mare. Ad aspettare il mio arrivo
con l’onda...E a questo punto poeticamente
dovrei sussurarti…amore,
ma non posso, non posso farlo.
Figuriamoci!
Non ti è permesso di essere neppure il mio tesoro...
Lei. Ma io non aspetto il tuo arrivo
con o senza onda. Amore???
Lui. E allora cosa aspetti, cosa aspetti li,
accanto a me,
ad osservare il volo dei gabbiani
sull’onda?
Lei. Li osservo con un’altra compagnia.
Lui. Non è la stessa cosa. E’ il suo opposto,
il suo contrario. Forse…forse sono io il tuo azzurro,  l’azzurro che tu aspetti sull’onda.
Lei. Mi spiace. Io sono felice col mio compagno. E ora ti auguro buona notte…
Lui. E così ti ho costretta a rispondermi.
Se tu fossi stata felice, lo avresti detto.
Buona notte, Buona notte amore, mio amore,
amore non mio, amore di un giorno…
HER HIM DAY of OUR DISCONTENT LOVE Her.
Today I went to the sea.
Him. Lucky you. Our sea is wonderful, wonderful ...
Her. Our sea is unparalleled
in the world.
Him. It is true. So you have fun ...
Her. Enough, thank you.
Him. How formal you!. Stop thanking,
woman waiting on the sea ... And that's even worse enough as to sincerity.
Her. IE? Sincerity? Neil ...
Him. To what extent is it enough?
Her. But why do you have to question what I say?
Him. I doubt everything. This our life is a doubt. They say it's a mystery but simply ...
simply prepared
sacredly
is what it is. So just say it. That is to say what is,
Obviously knowing this,
and here is the crux of the matter. The knowledge... But if the whole thing is a doubt,
It all stems from the way how I addressed to you. I misused the word amusing, and I apologize ...
But, if you'd asked: have you been happy?
I'd say sincerely,
or you wouldn't have known what to answer me?
Her. I was well ... well enough.
It's good enough for me.
Him. What it means: I was well, well enough, and good enough for me? That's pretty vague, nebulous so uncertain. I see you there,
on the water's edge. Waiting for my arrival with the wave ... And at this point I should love, poetically sussurarti
but I can't, I can't do that.
Let alone!
You are not allowed to even be my treasure ...
Her. But I'm not waiting for your arrival
with or without air. Love???
Him. What are you waiting for, what are you waiting there, beside me, watching the flight of seagulls
on the wave?
Her. I watch them with another company.
Him. It's not the same. It's the opposite,
its opposite. Maybe it's me your azure,
the blue that you wait on the wave.
Her. I'm sorry. I'm happy with my companion.
And now I wish you good night ...
Him. And so I have to answer me.
Today the Sea you weren't happy,
or I'd say. Good night, good night, my love, my love, but love, love of a day...



IN CONCERTO (S.V. “PENSIERINI DEL PROSIEGUO DEL GIORNO  – Poesie del Mattino  –” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario della Vita umana/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra. Centro biologico operativo,   Sede provvisoria operativa del Principe Regnante e del Corpo delle Principesse Valchirie della Regina Madre Iddio, La Suprema Entità Divina, La Madre Che Vive, spose del Principe dell’Universo, il Regnante.  Città del Sole, Città dell’Universo sulla Terra, il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com

Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com 

Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.            

Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 

E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte.

N.B.La Collezione delle Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa, già Esposizione Storica di Opere non reperibili in commercio, di cui Sergio Valli quale fondatore della Cultura dell’Universo, la Cultura umana sulla Terra, è l’unico Ideatore, Divulgatore e Reggitore dell’omonima Scuola Sapienziale, risulta di recente entrata a far parte del Settore delle Pubblicazioni insolite e rare, disponibili esclusivamente per i Collezionisti di Opere d’Arte e per Studi universitari di ricerca superiore avanzata).








Nessun commento:

Posta un commento