giovedì 9 febbraio 2017

UNA PRIMITIVA SPERANZA



 
                           
Arriverà, domani.
Ci condurrà, per mano e a grandi passi, oltre i luoghi e i ricordi,
ripetuti in circolo dall’Alfa e dall’Omega a ricalco oscillante del percorso cieco di un senso,
che senza quell’Oltre, senza il prosieguo dello spazio e del tempo,
non c’è.
Le lancette si sono fermate. E’ passata davvero l’ora
o tutto questo è parte di un destino remoto, simile al semplice svolgersi di una reiterata turnazione?
Avremmo bisogno di certezze, di un minuto extra, sessanta secondi che proseguano verso i minuti terzi.
Gli anni, si sa, bussano alla porta.  
Prima discretamente, ma poi sempre più velocemente.
Ti ho vista ispanica, bruna e bellissima, i grandi occhi luminosi
di stella sorgente, una grazia felina e silenziosa, mentre indossavi una lunga giacca rossa e scarpe dal tacco  alto e sottile.
Ero rimasto seduto nei miei sogni
a fissare fuori dal finestrino
lo scorrere dei paesaggi invernali
e i filari d’oro di un tardo mattino.
Avrei voluto conoscere il tuo nome,
il nome dei tuoi occhi che risplendono al centro di un giardino che all’improvviso fiorisce: un’azalea rosso fuoco
che s’innalza fiammeggiante
quando il sole è già alto e il cielo s’accende d’azzurro.
Come gabbiano privo di proiezione d’ombra volteggio sul mare, mi inerpico lungo scale schiumose
di acqua salata, onde ricurve, dita ad artiglio, un coltello conficcato nella corteccia, nel petto,
le ali amputate di albero.
Non sapevo di una nuova nascita, di una nuova terra, di una nuova ricorrenza da affiancare alla prima.
Non sapevo di una strada che si apre luminosa e improvvisa
come porta di cielo.
Nell’aria vivida e scintillante, prima di dirmi il tuo nome, hai trattenuto semplicemente il respiro,
il volto trasfigurato dai colori del sole, oppure ti chiedevi che incontro è questo,
che magia, che ricorrenza,  che data è questa che dà significato a quella della nascita?
Osservavi gli anni spargersi sul pavimento e fuori dalla finestra ciò che restava del mondo. 
Una primitiva speranza. 
Domani, arriverà.

(S.V. “AZZURRO PROFONDO – Poesie del Mare e del
Cielo     A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario della Vita umana/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra. Centro biologico operativo,   Sede provvisoria operativa del Principe Regnante e del Corpo delle Principesse Valchirie della Regina Madre Iddio spose del Principe dell’Universo, il Regnante.  Città del Sole, Città dell’Universo sulla Terra, il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)








Nessun commento:

Posta un commento