giovedì 26 gennaio 2017

LO ZOO TELEVISIVO







In realtà, il nostro Progetto riguardante l’istituzione, in luogo dei vecchi sistemi di detenzione resisi obsoleti,  dei Centri di Esposizione pubblica permanente dei Sintomi Evidentisti dello Spirito Maligno, il  Male perfetto, risulta ampiamente, correttamente e diffusamente attivato e in perfetta funzionalità relativamente agli scopi prefissati riferiti alla sperimentazione in atto sulla Terra.
E’ un sistema di visione e di controllo assai semplice. E’ sufficiente disporre di un televisore ed è come visitare lo Zoo cittadino, ma non solo lo Zoo della capitale di ciascuna Nazione, bensì grazie al progresso tecnologico è possibile visitare in un colpo solo tutti gli zoo della Nazione.
Per restare, ad esempio, nel Paese assunto per Campione dal Campionario perverso planetario, il ginepraio delle Copie conformi e del Ricalco del pianeta sperimentale, è possibile visitare per rappresentanza - trattandosi di copie conformi e di ricalchi, ossia di primati complessi involuti e degenerati in primati semplici affetti da idiozia compulsiva demenziale delirante - tutti gli zoo e le gabbie nazionali italiane restando comodamente seduti in poltrona nella propria abitazione.
Ad ogni canale televisivo, dalla Rai tivù  fino all’ultima di tutte le televisioni sateliti, corrisponde una gabbia zoologica, ossia un Centro di esposizione pubblica permanente dei Sintomi evidentisti dello Spirito Maligno, lo Spirito immondo, il Male perfetto  Dio delle Scimmie; tanto che se si potesse disporre di apparecchi televisivi attraverso lo schermo dei quali fosse possibile raggiungere gli studi televisivi dai quali partono le immagini dei primati in preda alle convulsioni deliranti prodotte dall’idiozia demenziale compulsiva delirante che li affligge, lanciando loro ad esempio delle noccioline: cosa che potrebbero fare allegramente, e con grande divertimento, i nostri bambini, l’esposizione pubblica permanente avrebbe raggiunto gli scopi prefissati.  





Tuttavia, per tale visione zoologica, soprattutto quella dei bambini - non disponendo in atto purtroppo di un sistema efficace per lasciare che essi lanciando le noccioline si rendano correttamente conto del luogo in cui vengono a trovarsi - si ritiene indispensabile evitare di soprassedere ulteriormente all’osservanza della Legge universale planetaria della Suprema Entità Divina, quanto meno, così come avviene per il fumo di sigarette, per la parte riguardante l’obbligo dell’avvertimento della pericolosità  di un prodotto nocivo e velenoso soprattutto per i bambini.  E il fatto che ultimamente nei pacchetti di sigarette appaia diffusamente l’avvertimento: IL FUMO RENDE STERILI, non ci sempra un motivo sufficiente per tergiversare inosservando ancora la Legge della Regina Madre Iddio che prescrive l’obbligo dell’avvertimento del pericolo di morte in tutte le trasmissioni zoologiche televisive – per le quali nella generalità e senza eccezioni, si tratta di procurata morte del cervello - per il fatto dell’infertilità che, in un contesto di scimmie idiote dementi deliranti compulsive, non avrebbe alcuna rilevanza dal momento che, è risaputo, sul pianeta sperimentale la madre dello scemo è sempre incinta.   
(S.V. “VIENE LA SERA – Pensieri e Parole – “  A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario della Vita umana/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra. Centro biologico operativo,   Sede provvisoria operativa del Principe regnante, Città del Sole, Città dell’Universo sulla Terra, il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli https://vallisergio.blogspot.com 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.            
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)






















Nessun commento:

Posta un commento