sabato 3 dicembre 2016

DANNY COLLINS LA CANZONE DELLA VITA



 
A quanto riferiscono i vari Tolomeo della critica e della diffusione del film, “Danny Collins La Canzone della Vita” sarebbe ispirato alla storia vera del cantante folk Steve Tilston.
Danny Collins, un anziano cantante dedito all'uso di droga ed alcol, con una compagna o pseudo tale che ha la metà dei suoi anni e passa il tempo cornificandolo con amanti giovani della sua età,  un bel giorno riceve, con un ritardo di oltre 40anni, una lettera scritta per lui da John Lennon.
Poche parole che misteriosamente servono però al protagonista per mettere in discussione la propria vita , dandogli il coraggio di cercare il proprio figlio abbandonato quando era piccolo e oggi gravemente malato, fino a trovare la forza di restargli vicino  e di  assisterlo nonostante il figlio lo rifiuti, nonché di aiutare  la nuora in attesa del secondo figlio e la nipotina, e di rimettersi  a scrivere canzoni, attività creativa che aveva abbandonata da tantissimi anni dedicandosi a fare concerti e soldi con il suo repertorio stracolmo di vecchie canzonette popolarissime tra i suoi fans.
“Ma sarà in grado di vivere a pieno la seconda occasione che la vita sembra regalargli?” si interrogano molto premurosamente per noi e per Danny Collins  i sapientoni, ossia i Tolomeo dello Status primate usurpatio, i tanti Non capisco un tubo dell’usurpatio primate,  tacendo sul mistero del perché la lettera di John Lennon gli dia una seconda occasione e  – a parte il nuovo rapporto instaurato con il figlio, la nuora e la nipotina – riprendere a scrivere canzoni evinca un significato così diverso, addirittura di  mutamento,  di una vita  di cantante folk (tale e quale all’originale ispiratore della cinematografata, ossia il cantante folk Steve Tilston) spesa tra droga, alcool, giovani fidanzate cornificanti,  concerti e soldi, mentre come da copione il mondo se ne va tranquillamente in malora. 

Eccellente interprete nella parte di Danny Collins, Al Pacino, candidato al Globe Golden 2016 come migliore attore in un film commedia o musicale, contornato da un cast formato da attori noti e assai bravi: Christopher Plummer, Annette Bening, Jennifer Garner e Bobby Cannavale.
Quindi - prescindendo dalle tante sfaccettature rilevate -  tecnicamente e relativamente “a ciò che planetariamente passa il convento primate”, film comunque  pregevole  e meritevole di essere visto.
 (S.V.  “IL CINEMA SECONDO LA CULTURA DELL’UNIVERSO – Recensioni cinematografiche  – “ A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario delle Nazioni/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra.  Il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/ 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.     
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)



Nessun commento:

Posta un commento