lunedì 24 ottobre 2016

LA VOCE E’ VIVA E DALLE MEDITERRANEE ACQUE RISORGE PER UN GIUDIZIO E UNA RIVOLUZIONE, AFFINCHE’ CHI NON VEDEVA VEDA E COLORO I QUALI CREDEVANO DI VEDERE DIVENTINO CIECHI. PARLA GESU’ CRISTO RISORTO, PRINCIPE DELL’UNIVERSO, PRINCIPE DELLO STATO COSTITUZIONALE UNITARIO DELLE NAZIONI/ORGANIZZAZIONE UNIVERSALE DI EGUAGLIANZA ECONOMICA ASSOLUTA/SOCIETA’ PER AZIONI UMANE/STATO DELL’UNIVERSO SULLA TERRA. GESU’ CRISTO RISORTO VERBO INCARNATO NELLA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA DELLA SUPREMA ENTITA’ DIVINA, LA MADRE IDDIO, USURPATA DALLO SPIRITO IMMONDO, L’ANTICRISTO, LA BESTIA, IL CRISTIANESIMO NEGATIVO INVERTITO, L’ANTICRISTIANESIMO D’OCCIDENTE INCONFESSO SIMULATO CRISTIANESIMO. IL VANGELO CHE VIVE: LA PARABOLA DEL MANDATO



LA VOCE E’ VIVA E DALLE MEDITERRANEE ACQUE RISORGE PER UN GIUDIZIO E UNA RIVOLUZIONE,  AFFINCHE’ CHI NON VEDEVA VEDA E COLORO I QUALI CREDEVANO DI VEDERE DIVENTINO CIECHI. PARLA  GESU’ CRISTO RISORTO, PRINCIPE DELL’UNIVERSO, PRINCIPE DELLO STATO COSTITUZIONALE UNITARIO DELLE NAZIONI/ORGANIZZAZIONE UNIVERSALE DI EGUAGLIANZA ECONOMICA ASSOLUTA/SOCIETA’ PER AZIONI UMANE/STATO DELL’UNIVERSO SULLA TERRA. GESU’ CRISTO RISORTO VERBO INCARNATO NELLA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA DELLA SUPREMA ENTITA’ DIVINA, LA MADRE  IDDIO,  USURPATA DALLO SPIRITO IMMONDO, L’ANTICRISTO, LA BESTIA, IL CRISTIANESIMO NEGATIVO INVERTITO, L’ANTICRISTIANESIMO D’OCCIDENTE INCONFESSO  SIMULATO CRISTIANESIMO. IL VANGELO CHE VIVE: LA PARABOLA DEL MANDATO
Un lampo, improvviso, un'esplosione bluastra, quindi un tuono violento, la volta nera e minacciosa dove strisciavano tra i cespugli nascondendosi lungo il perimetro del Parlamento, in cui si parlava a monosillabi oppure cantilenando il baubaubaublablabla d'ordinanza. Abbassarono cautamente la maniglia quando entrarono, ma all'uscita trovavano sempre la porta spalancata.
Giù, al seminterrato, la finestrella con inferriate sbatteva nel vento.
Ora corre voce che l'indulto sia stato attivato per insabbiare i vari procedimenti giudiziari in corso nel mondo politico e dell'alta finanza, e che perfino Izzo, il mostro del Circeo, potrebbe beneficiare di quel provvedimento.
Ma non è chiaro se per beneficiarne si renda necessario cambiare i termini del mandato.
I programmi enunciati o sottointesi, vanno e vengono. Vicino al podio c'erano una lavatrice, una lavastoviglie, una asciugatrice e la macchinetta del caffè che più tardi non ci sarebbero più state.
Ma nel seminterrato parlamentare, l'umidità aveva tessuto una cortina di muffa color verde grigiastro, più un tavolo di legno marcito, sedie da cucina rotte, bottiglie vuote striate da una patina biancastra e infine piatti da lavare, dappertutto.
C'era una piccola porta che portava nella grande sala dei banchetti, dove l'immenso tavolo da pranzo troneggiava al centro, con intorno tappeti, quadri alle pareti, melma dorata sul pavimento appiattito e sbilenco e fiori flosci o rinsecchiti.
Ora il dilemma parlamentare era il rispetto del mandato. Prima di riceverlo si era parlato chiarissimo. Il programma era stato dettagliato nei particolari. Chi, che, come, quando, e perché, i luoghi, i mezzi, le persone.
Ammazzare Tizio e Caio, derubare Sempronio e Comecavolosichiama oppure Vattelapescachi. Programmi netti, precisi. E il mandato era stato conferito sulla base di questi particolari.
Ma, adesso, c'era chi sosteneva che il mandato non era il Vangelo, da rispettare alla lettera.
Il mandato si può sempre cambiare, come il programma, del resto: la politica dovrebbe perseguire il cambiamento, il movimento, e non la stasi.
Così, magari, invece di ammazzare Tizio e Caio, si potevano ammazzare Sempronio, Comecavolosichiama e Vattelapescachi, uno in più, e derubare dove c'era più mercanzia contingente.
Tra la parete e lo stipite ci sono delle fessure, ed è li che filtra la politica. La politica del mandato e dei programmi, in cui la penombra si insinuava come un tessuto imperforabile da acciaio inox.
I mandanti vogliono prima esaminare il programma e si arrabbiano se poi, dopo il mandato, se lo vedono stravolgere sotto gli occhi con tutti i dodici punti fondamentali. Dodici come gli apostoli o come i dodici piccoli indiani di Agatha Christie.
Si capisce, però, che nel mondo vacuo e invisibile delle tenebre, l'egocentrismo è come la sopravvivenza nella giungla, e la luce è la sua antagonista naturale.
I relativi, non possono essere contenuti tutti negli archivi della Storia, dove non mancano i personaggi: controversi, ricchi, discussi, ammirati, detestati. Ma sono quelli che finanziano i programmi e sono sul foglio paga della Scolastica per cui non si possono toccare.
Gli altri, i semplici negativi invertiti, le semplici copie conformi, i semplici sintomi, i mandanti, si possono collocare anche nei cassetti degli armadi o dei mobili in disuso , negli scantinati, in cantina o nelle soffitte.
Lassù, sopra le loro teste, scorreva l'acqua di un torbido fiume nerastro e le loro lingue si allungavano all'interno delle guance. Il mandato è sacro, anche se il programma si può cambiare.
C'è tanta di quella mercanzia in giro, così tanto da assassinare e derubare, che a pensarci c'è da restare svegli anche di notte.
Così rimasero in silenzio per un po', giocherellando con il labbro inferiore, tra i mormorii impercettibili che venivano su dai sottoscala, dalle cantine o venivano giù dalle soffitte.
Ma quel fiume nero e torbido, che scorreva sopra le soffitte, sfociava alla fine davanti ai cancelli dei cimiteri, trasformato in una fila inesauribile di sintomi e di sintomi campione che sembravano aver raggiunto finalmente il proprio traguardo…il capolinea parlamentare dei mandanti e degli esecutori.
Avrebbero voluto che il torbido fiume melmoso cambiasse il proprio tragitto, ma sapevano quanto ciò fosse impossibile perché i fiumi seguono soltanto il proprio corso.
Così, restavano per un po' fermi ai cancelli, e si guardavano indietro rimpiangendo gli inizi del tragitto, i bei tempi del torbido mandato. "Siamo stati tutti licenziati. In tronco", annunciavano prima di morire.
 

(S.V. “NOTIZIE DALL’UNIVERSO E DINTORNI  – Rubrica d’Informazione avanzata – LA VOCE E’ VIVA E DALLE MEDITERRANEE ACQUE RISORGE: IL VANGELO CHE VIVE ­ –“ A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario delle Nazioni/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane/Stato dell’Universo sulla Terra.  Il Mondo della Nuova Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/ 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)


Nessun commento:

Posta un commento