mercoledì 21 settembre 2016

SOGNI E DELITTI – CASSANDRA’S DREAM

 
I temi e i contorni suggestivi di Match Point e di Scoop, tornano in questo terzo film della serie londinese, nella versione minacciosa degli sciagurati sogni di ascesa sociale di due fratelli con trascorsi proletari, che hanno uno zio ricchissimo e scapolo affezionato alla sorella e alla sua  famiglia.
Dei due fratelli, uno fa il meccanico,  ha  il vizio del gioco  e del whisky ed è nei guai per aver contratto grossi debiti di gioco, mentre l’altro lavora con il padre nella conduzione del modesto ristorante di famiglia, ma coltiva confuse aspirazioni di scalata sociale nel mondo degli affari ed è innamoratissimo di una sensuale e bellissima attrice dilettante con la quale vorrebbe trasferirsi a Los Angeles per introdurla nel professionismo e curarne la carriera.  Lo scenario si profila quindi molto semplice: i due fratelli hanno un disperato bisogno di denaro e quando lo zio ricco che vive in Cina va a trovarli in Inghilterra, il registro si fa nerissimo, ma non come magari qualcuno molto superficialmente potrebbe aspettarsi, a causa di un disegno criminoso avente per tema l’eliminazione dello zio e la riscossione dell’eredità, bensì per una trovata alla Woody Allen che però risulta piuttosto mediocre rispetto al suo repertorio e concede poco alla tradizionale ironia del cineasta o al mèlo passionale. 
Lo zio si dimostra comunque propenso ad aiutare i nipoti e a finanziarli, ma in cambio pretende che i due fratelli eliminino uno scomodo personaggio la cui testimonianza sugli affari poco chiari dello zio,  potrebbe  causarne la rovina e mandarlo per molti anni in prigione. 
Dopo le titubanze di rito, i due fratelli accettano lo scambio di favori, segnando il loro destino e quello del film sulla cui mediocrità si pongono al servizio Ewan McGregor e Colin Farrell, abili e credibili  nella parte dei due fratelli.
Pertanto, anche se così facendo accresciamo l’ostilità americana nei nostri confronti, esercitata dagli Usa tramite il regime dittatoriale planetario globalizzante e totalitario di Facebook, addebitare in ogni caso la  significazione dei contenuti del film statunitense  all’Organizzazione sociale di Disuguaglianza Economica relativa e i suoi scompensi all’analfabetizzazione intellettuale e agli effetti dell’invecchiamento, è inevitabile, quanto il soggiungere che in un contesto diverso da quello negativo invertito, in cui la correzione importata dalla Cultura dell’Universo avrebbe prodotto ringiovanimento accompagnato da una opposta visione della realtà, non può esimerci dal considerare che anche questo “Sogni e delitti” non avrebbe avuto ragione di essere a vantaggio di una ritrovata e illimitata creatività fondata su temi e obiettivi magicamente validi e concreti. 

 
                                            
(S.V. “IL CINEMA SECONDO LA CULTURA DELL’UNIVERSO – Recensioni cinematografiche ” –  A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario delle Nazioni - Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane - Stato dell’Universo sulla Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/ 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)


Nessun commento:

Posta un commento