giovedì 22 settembre 2016

QUEL CHE RESTA DI MIO MARITO

 
 
 Altro film inorgasmico e crepuscolare al femminile, questo "on the road",  nel quale, senza che ne abbia affinità o alcunché in comune, i soliti sprovveduti  vorrebbero intravedere riferimenti con il mitico Thelma e Luise, le quali a loro dire “sarebbero cresciute e vissute quel tanto dal potersi adesso avviare tranquillamente verso l’età matura”. L’esiguità della storia scritta da Daniel Davis e  il debutto nella regia del lungometraggio di Christopher Rowley, dimostrano invece  perfettamente il contrario, tanto che le povere Thelma e Luise se non fossero morte allora,  lo sarebbero purtroppo adesso e con tantissima minore dignità. 
Arvilla ha appena perduto suo marito, l’amatissimo Joe, un antropologo con cui ha vissuto venti anni  di amore, di felicità  e di viaggi in tutto il mondo.
Ora, mentre la figliastra erede del defunto, le impone la consegna delle ceneri del padre pena la perdita dell’abitazione che condivideva con il marito,  Arvilla  decide  di  mettersi invece in viaggio verso la California, insieme alle sue due migliori amiche, Mergene e Carol, per spargere le ceneri nei luoghi  a lei e al defunto cari. 
Il titolo del film, amaro e limitativo, si adatta in ogni caso perfettamente all’essenza di una storia assai vaga e superficiale, nella quale per movimentarla si inserisce  un viaggiatore  alla guida di un camion, con il quale le tre donne intrecciano una timida quanto improbabile amicizia on the road.  L’aggettivo “banale” non renderebbe giustizia alla terrificante mediocrità del film. Forse “spregevole” rispetto alla natura umana, ossia all’intelligenza, andrebbe meglio,  anche se magari risulterebbe un pochino esagerato dal momento che, per equità, spetterebbe di diritto ad ogni altro film hollywoodiano o no, comunque planetario perché denominatore comune di un mondo falso simulato umano; ragione per cui,  dopo la visione e le sofferenze, ritrovandoci senza nulla che meriti di essere ricordato, optiamo per il  semplice “NN” che, all’orizzonte dell’ on the road, segnala la nessuna novità dell’acronimo.        
 (S.V. “IL CINEMA SECONDO LA CULTURA DELL’UNIVERSO – Recensioni cinematografiche – ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario delle Nazioni - Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane - Stato dell’Universo sulla Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/ 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)



Nessun commento:

Posta un commento