martedì 6 settembre 2016

CULTURA DELL’UNIVERSO. IERI OGGI DOMANI. ATTI STORICI (DAL NOTIZIARIO n.55 (n. 11 - 2008) 68.5.32/8.4/1 - 74.5.32/8.4/1)

                            

PATETICHE VISIONI DALL’ISOLA: IN QUELL’AMMASSO INFORME E DEFORME DI FICHETTE PIAGNUCOLOSE, UN SOSPETTO SORGE IMPELLENTE…
L’unico maschio è Luxuria?
LE PROFESSIONI OGGI PIU’ AMBITE: CALCIATORE O POLITICO
Così evidenzia un sondaggio condotto nel Paese Campione. 
Ora, però, le differenze emergono clamorose, perché  per fare il politico non ci sono limitazioni o condizioni soggettive,  e in pratica chiunque può fare il politico, e il calderone, l’ammasso, il campionario,  risulta lo strumento del reclutamento, mentre per il  calciatore, bisogna in primis  appartenere al sesso maschile e poi,  in subordine, essere quanto meno capace  di giocare a pallone. 
Ampliando  il discorso, notiamo che le professioni di famiglia più comuni intese a prolungarsi generazionalmente (avvocato, medico, insegnante, giudice, falegname, idraulico, muratore, scienziato, imprenditore, industriale, dirigente, giornalista, e così via; quindi anche l’attività politica propriamente detta), non necessitano di particolari requisiti, per cui chiunque, capace o incapace che sia, può tranquillamente praticarle. 
In campo artistico e sportivo ci sono invece degli intoppi di base: per fare il cantante anche se figlio d’arte bisogna per lo meno saper cantare, il musicista saper suonare, lo scrittore saper scrivere,  il pittore saper dipingere, il ballerino saper ballare, il saltatore saper saltare, il nuotatore saper nuotare  e così di seguito. 
E ci sono poi ulteriori difficoltà inerenti al contesto in cui la famiglia generazionale intende prolungare la propria specialità professionistica. Per esempio, in un mondo calcistico mediocre, formato da schiappe, un calciatore schiappa figlio d’arte vivrà da campione, ma in un contesto di bravi calciatori, anche se figlio di un ottimo calciatore, seppure agevolato nell’introduzione nel mondo calcistico, non avrà futuro. 
Altro esempio eclatante è il mondo del cinema. Nel Paese Campione caratterizzato dalla mediocrità, gli attori mediocri figli d’arte vivacchiano tranquillamente, mentre se venissero trasferiti  ad Hollywood,  scomparirebbero e dovrebbero cambiare mestiere. 
Nel trash televisivo, il discorso è invece lo stesso fattibile per il  professionismo più comune. Valevole pertanto anche per il Contenitore interetnico e interraziale planetario (gli Stati Uniti d’America), i Social e per ciascuna Nazione. Quivi, vi si muovono, vi si alternano e vi si susseguono, elementi privi di una precisa collocazione professionistica e di una corrispondente capacità,  in pratica gente che non sa fare niente di particolare, per cui non sussistono condizioni ostative. Basta mostrarsi e blaterare il tipico baubaubaublablabla dell’incoscienza – e per i sintomi è quanto di più facile data la loro  natura – e il  successo è sicuro. 
L 'immondezzaio planetario è eloquentemente rappresentato dal personale operativo di Fb preposto alla gestione di aggregazioni criminali che in violazionie di tutte le leggi possibili spiano i propri iscritti nei chat privati, li derubano facendo scomparire tutto il materiale prodotto dall'opera personale umana, appropriandosi  illecitamente delle conversazioni private,  dei link, dei post e di ogni altro scritto perfino se tutelato da copyright.      

26 ANNI, INCENSURATO, DERUBATO DI TUTTO CIO’ CHE AVEVA IN CASA, ARRESTATO, TORTURATO E INFINE AMMAZZATO MILLANTANDONE IL SUICIDIO IN CARCERE
No, la disperazione di una madre non è di tanti anni fa, non è del  Cile di Pinochet  o dell’Argentina dei desaparecidos, ma è di oggi, è della terra del Paese Campione, dove una povera madre non ricevendo alcuna spiegazione  sulla morte del figlio, per disperazione è stata costretta a rivolgersi al Grillo Parlante, il che ne attesta un dramma ancora peggiore,  non una barzelletta.  Ma allora, che fine ha fatto il “Nunca Mas”, il Mai Più  di tutte le associazioni mondiali di tutela dei diritti umani, che avrebbe dovuto risuonare ed esplodere per sempre? Ai piedi del DELITTO DELLA CROCE, esso è valido soltanto per 30.000 persone, o anche per una, oppure qual è il numero esatto di rapimenti, torture e assassini consentiti, oltre il quale il grido risuonerebbe ed esploderebbe  al posto del silenzio omertoso?  La risposta del tribunale di Pilato, che a Genova, lavandosi mani ancora grondanti sangue, manda assolti i vertici della polizia, responsabile di violenza e di gravissime violazioni di legge perpetrate contro quei cittadini sulla cui sicurezza avrebbe dovuto invece esporre tutela, più che eloquente è la dimostrazione inequivocabile della criminalità istituzionalizzata di tipo  argentino e cileno, contro cui il grido resuscitato del “Mai Più “di ieri, da rivolgere oggi alla Causa,  all’Organizzazione sociale di Disuguaglianza Economica relativa e non al sintomo storico,  provocherebbe,  per sempre,la revoca,  sul pianeta Terra, di  ogni indebito e la giusta  esposizione pubblica negli appositi centri,  di tutti i responsabili e, per  manifesta complicità, degli autori  di ogni insabbiamento, censura, omissione di informazione dovuta o illecita assoluzione. 
                                                                   
(S.V. “NOTIZIE DALL’UNIVERSO E DINTORNI     Rubrica d’Informazione avanzata  – IERI OGGI DOMANI. ATTI STORICI  - “ A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario delle Nazioni - Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane - Stato dell’Universo sulla Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/ 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)



Nessun commento:

Posta un commento