domenica 11 settembre 2016

ARSENICO E VECCHI CONFETTI


 
Ottimi gli attori e buona la regia del presente richiamo cinematografico al mitico “Arsenico e vecchi merletti”; richiamo che di conseguenza bene o male si può piacevolmente vedere, quanto meno per far felice il botteghino. 
Siamo negli anni immediatamente post seconda guerra mondiale e Harry Allen, interpretato da Chris Cooper, è un business man di mezza età sposato con Pat (Patricia Clarckson), il quale coltiva una relazione adulterina  con la giovane e bellissima  Kay Nesbitt, una vedova di guerra  impersonata dall’attrice Rachel MacAdams.
Grigiamente chiuso in un matrimonio freddo e abitudinario, Harry si sente ringiovanire con Kay, e decide di lasciare la moglie per sposare al più presto la ragione  del suo nuovo amore.
Il migliore amico di Harry, è Richard Langley, Pierce Brosnan, uno scapolo impenitente  a cui Harry chiede di stare accanto alla giovane vedova per farle compagnia e proteggerla  quando lui è costretto a lasciarla sola per coltivare almeno in apparenza i suoi doveri coniugali in attesa di divorziare e sposare Kay: ma lui afferma di voler bene alla moglie, per cui non vorrebbe mai vederla soffrire.
Richard, ai fini del prosieguo della storia,  s’innamora della bellissima vedova di guerra e un bel giorno scopre casualmente che anche Pat, la moglie di Harry, ha una relazione extraconiugale con un vicino di casa; ma naturalmente non ne informa l’amico in quanto, innamoratosi perdutamente di Kay, cerca in tutti i modi di convincerlo a non lasciare la moglie onde poter avere campo libero con la bellissima vedova.
Harry è invece fermamente deciso a sposare la sua giovane amante, ma non  volendo umiliare pubblicamente la moglie con un divorzio e farla soffrire, pensa di avvelenarla per una sua dipartita dolce e indolore, somministrandole quotidianamente dosi di veleno mescolato a  un digestivo.
Ma proprio la sera in cui organizza l’omicidio della moglie e la lascia sola in casa con la confezione velenosa mescolata al digestivo in modo di trovarla già bella che morta al suo ritorno a casa,  Kay gli confessa di essersi innamorata di Richard e lo lascia.
Così, quando Harry, vedendo svanire tutti i suoi progetti futuri e divenuta inutile la morte della moglie, si precipita a casa per impedirla prima che la moglie prenda il digestivo, la trova a letto tranquillamente addormentata e in ottima salute, perché per fortuna non ha ancora preso il digestivo.
Tuttavia,   guardando dalla finestra della camera da letto, si accorge del vicino il quale, furtivamente,  sta cercando di sgaiattolare fuori dalla villetta e scopre così l’infedeltà della moglie; però, onde non perdere  anche la moglie e ritrovarsi solo in quel mondo all’arsenico, vecchie e giovani corna e merletti, o confetti, finge di non essersi accorto di niente; e da qual momento cerca anzi di ricoprire la moglie di attenzioni allo scopo di riconquistarla, rendendosi conto di averla trascurata negli ultimi tempi a causa della sua relazione con la bellissima e giovane vedova di guerra.
Quindi, nell’infelicità di un mondo alla rovescia dove tutto viene negativizzato e invertito,  la coppia felicemente si ricompone e altrettanto felicemente qualche mese dopo Richard e Kay si sposano; e tutti a casa felici e contenti!
Soprattutto noi e gli spettatori.  
 
 
 

(S.V. “IL CINEMA SECONDO LA CULTURA DELL’UNIVERSO – Recensioni cinematografiche    “ A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario delle Nazioni - Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta/Società per azioni umane - Stato dell’Universo sulla Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/ 
Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo.
Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it 
N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)



Nessun commento:

Posta un commento