domenica 21 agosto 2016

MADRE MATERIA, LA MATERIA CHE VIVE



 
 
 
Dal greco antico “Materia” significa Madre e Anti “contrario” o “che precede”, “che viene prima”, per cui la Cultura Bassa, ritenendo erroneamente attraverso le sue scienze relative    che la composizione dell’Ordine Cosmico Negativo Invertito ex universo omonimo sia la materia, ritiene altrettanto erroneamente che la così  detta ”antimateria” rispetto al proprio composto - perfettamente antimateriale nella totalità della sua variegata complessità  strutturale - sia una componente contraria alla gestione complessiva delle immagini e dei fenomeni fisici del corrispondente mondo atomico impersonato dal gestore dell’atomo, cioè dal gestore dell’antimateria: lo Spirito-Massa, peraltro perfettamente sconosciuto alla Cultura Bassa, Cultura dell’Ignoranza dei Negativi invertiti,  e di conseguenza alle omonime scienze relative terrene negative invertite.
Adele La Svitata, Adele l’Adolescente Sfigata, Adele La Valchiria, Adele L’Animatrice di Cultura dell’Universo, Adele La Sboccacciata, Adele La Saggia, Adele L’Assistente di Produzione eccetera eccetera, si dimostra come al solito preparatissima  su questo argomento.
“Per comprendere questa situazione, che è molto semplice”, dice l’Adele: “è necessario ricordarsi che quando si accede in una casa, prima di entrare nelle stanze interne si deve prima passare per l’anticamera. O non è così che funziona? E allora, come si può sbagliare così grossolanamente? Come si fa a chiamare camera, l’anticamera?” .
Si può certamente ben capire come -  per chi si trovi costretto in una casa che non conosce, non avendo la minima idea di dove si trovi, ma vi viva stabilmente ritenendola propria,  perché non sa niente nemmeno di se stesso e ignora da dove viene, dove si trovi e dove sta andando a causa dell’inconoscenza (che diviene incoscienza) anche della “Tribase Elementare” (della Conoscenza), che è quel minimo culturale che si richiede  a una cultura o a una parvenza di cultura perché si possa definirla tale; e per di più costretto per comodità proprie e interessi comunitari a inventarsi di sana pianta le ipotesi e le credenze più favorevoli e fantasiose  - si finisca per credere e convincersi che l’anticamera in cui assai poco stabilmente si vive difatti “in attesa”, non sia una anticamera ma la camera, la propria  camera, e quindi la materia che  sensorialmente si può vedere, udire, toccare, odorare e gustare, stravolgendo una realtà di conseguenza negativizzata e invertita.
“E tra poco”, promette la nostra Adele:”Quando vi condurremo nel mondo dell’Antieconomia, vedremo di approfondire l’argomento. Però, c’è prima una cosa che va ricordata. Io l’ho sperimentata in prima persona.  Quando dalla Cultura Negativa Invertita, cioè quando dalla Bassa Cultura si passa agli studi di Cultura Alta, bisogna fare pulizia, se possibile una vera e propria piazza pulita, nel proprio cervello offuscato dal plagio patologico operato dal Male Perfetto liberandolo dalle ramificazioni morbose del proprio credo. 
Altrimenti chi è tenebra resta tenebra e per lui saranno  cazzi da cagare!  Chi, abituato al contesto delle copie conformi e del ricalco, pensa di trovare nella Cultura dell’Universo uno scritto come un altro sbaglia, chi pensa di trovare dei favori sbaglia, chi crede di trovare opinioni sbaglia, chi crede di trovare privilegi sbaglia, chi crede di trovare  se stesso, le proprie convinzioni, le proprie aspirazioni, il proprio credo, sbaglia, chi crede di trovare il solito prodotto negativo invertito economicamente  corruttibile, sbaglia, risbaglia e trasbaglia!
Bisogna uscire dalla fossa per uscire all’aperto e risorgere, cominciando dall’intelletto, che è la porta per l’Esterno. 
Ed è dunque necessario uscire fuori da se stessi, fuori dal Cerchio chiuso dell’Alfa e dell’Omega, fuori dal buco nero, fuori dalla propria tomba. 
Perciò, per diventare veri e non restare burattini, bisogna cominciare dall’abbecedario di Pinocchio. 
Il Primo Cristianesimo avverte: dovrete tornare come dei bambini.   E il Cristianesimo Realizzato, confermandolo e spiegandolo dettagliatamente,  precisa: per realizzarvi persona umana, per realizzarvi esseri dotati di intelligenza, dovrete liberarvi dal Flagello, dall’Analfabetismo Intellettuale che vi affligge, dovrete liberarvi da voi stessi.
Quale altro spettacolo è, nel Mondo Relativo, più relativamente abominevole dell’ìdiota che grida idiota all’idiota o lo elogia, definendolo incredibilmente “intelligente” per ricambiare l’omonimo complimento ricevuto o da ricevere; come se in un lebbrosario i lebbrosi si riconoscessero sani l’uno con l‘altro, o in un vermicaio gli esseri striscianti si complimentassero l’uno con l’altro della  propria capacità di camminare eretti o tra paralitici di correre?
“Cazzo e stracazzo. Non c’è niente di peggio degli  A Bocca Aperta”, sostiene l’Adele osservandoli: “Fanno davvero schifo!”
Ma ancora più ripugnante – con tutta la sua saggezza perfino l’Adele va fuori dai gangheri di fronte a certi spettacoli -  è assistere nel fondo del pozzo senza fondo, alla dialettica selvaggia delle Larve Umane, ossia allo scempio che gli Aborti e i Rifiuti Umani del pianeta fanno della propria vita intellettuale e di quella degli altri. 
Però l’omicidio quotidiano dell’intelletto, non può non riportarci al vermicaio, perché in fondo l’aborto e il rifiuto umano, la persona fisica simulata umana, un embrione di gambe dovrebbe possederlo in quell’effrazione innata che evincerebbe la sua anima: sempre che non risulti quella “de li mortacci sua”, come a ragione ci avverte Adele.   
Qui, nel merdaio dove tutto comincia e tutto finisce, si straripa di detti e stradetti declamati dai soliti autorevoli Non Sanno e/o Non Sapevano Neppure Dove erano Messi, del genere “Non la ricchezza, non la saggezza, non la giustizia,  non l’amore, ma datemi la verità”. Oppure “non contrastarle, ma accetta le regole delle cose che non puoi cambiare” 
Oh no, cavolo e stracavolo!  La verità, datemi la verità, in un mondo simulato stradominato dalla finzione, dalla menzogna e dall’ignoranza?  E accettare ciò che non può essere cambiato in un Ordine Cosmico obsoleto, dove tutto  può - anzi deve - essere cambiato, perché  illegittimo, criminale, negativo invertito, superato, obsoleto e soprattutto assegnato alla Cancellazione?
La significazione relativista, vale a dire tutto ciò che corrisponde al codice genetico Geinove Negativo, ha significazione – naturalmente significazione alla rovescia - solo se riferito al predetto codice.
Tuttavia, per effetto del contatto biologico stabilito dall’Universo sulla Terra, diviene del tutto insignificante, privo cioè di significato, ogni e qualsiasi simulazione su una Terra infestata dal chiuso labirintico che, dal totalitarismo al pluralismo sintomatico della criminalità consuetudinaria socialmente organizzata del cerchio, ha da sempre il sopravvento sulla Terra.   
E il Sistema di Disuguaglianza Economica relativa pluralista sintomatico, la democrazia autoritaria, negativa invertita, l’Antidemocrazia per antonomasia, in breve l’attuale Dittatura dei Ducetti, non può non vigere perfettamente nel Paese Campione, come approfondisce l’Adele nella sua veste di Animatrice di Cultura dell’Universo. 
Ma perché Adele La Svitata?
Forse perché “ella si va sentendosi laudare benignamente d’umiltà vestuta ”? Oppure perché “tanto gentile e tanto onesta pare quand’ella altrui saluta”?   O perché “ogni lingua deven tremando muta e gli occhi non l’ardiscon de guardare”?  Ovvero perché “par che sia cosa venuta da cielo in terra a miracol  mostrare”?   O infine perché “mostrasi si piacente a chi la mira, che da per gli occhi una dolcezza al core, che intender non la può chi non lo pote”?
Ci potrebbero essere varie spiegazioni in merito, tuttavia - similmente all’Adele Adolescente Sfigata - rispetto alle copie conformi e ai ricalchi anche l’appellativo “La Svitata” le deriva dalla sua assoluta originalità e dalla magia fascinosa di quella sua bellezza incredibile che si rivelerebbe sospettosamente sopranaturale per i mostriciattoli della Terra, se faticosamente la nostra eroina non riuscisse a camuffarla nascondendola sotto l’uniforme deformante adolescenziale.
“Ovviamente non sono ne svitata ne sfigata”,ci confessa: “ almeno non nel senso comunemente dato a queste parole”.
Bisogna però  considerare la profonda estraneità, l’assoluta non conformità di Adele al contesto teatro dell’Usurpazione della Terra.
“Un contesto di sfigati e di svitati”, sottolinea. Ed è evidente che in un mondo di storti che si considerassero dritti, l’unico dritto che dovesse capitarvi, verrebbe per forza di cose considerato lui lo storto.
I fatti sono noti. Le notizie provenienti dall’Universo e dintorni, sono chiarissime e non lasciano dubbi in proposito.   
Suo malgrado, Adele è stata inviata, viva, respirante, solare e luminosa, in un mondo di morti e di tenebrosa oscurità, per cui offrire il proprio contributo di altissima specializzazione vitale, la propria assistenza, nelle operazioni di Recupero di ciò che possa rivelarsi utile alla Causa dell’’Universo, vale a dire alla Causa della Materia Vivente,  alla Causa della Vita, ritrovandosi per il recupero in mezzo agli aborti e ai rifiuti umani, è la cosa più difficile, la peggiore che potesse capitarle.
Ora si trova nientemeno che al centro della Terra, nel cuore dell’Usurpazione, nella Nuova Città dell’Esp.
Se si guarda intorno, le cadono le braccia. Altro che Napoli! L’immondizia è l’ovunque. Qui, il più sano c’ha la rogna e il più onesto è un Al Capone. 
“Porca puttana! Gran figli di buona donna!”, esclama, osservando l’agitarsi ossessivamente meccanico e reiterativo degli automi.
“Recupero? Ma de che? Della merda?”
Ora le è chiaro il perché degli appellativi. Qui non c’è anima viva e di conseguenza non c’è nessuno più “svitato” di lei nel complesso delle rotelle che compongono il meccanismo automatico negativo invertito messo in moto dall’Usurpazione, ne potrebbe esserci qualcuno più sfigato dovendo permanere, lei che capisce tutto, in un contesto dove, i tutti, gravemente affetti da Analfabetismo Intellettuale, non capiscono un cazzo.    
Ma ecco la Madre dell’Universo, la Materia Che Vive, annuncia l’Adele. Ed ecco:  attenzione!, avverte. Ogni cosa che la Madre ha detto, deve essere detta. Ogni cosa che la Madre ha fatto, deve essere fatta.

 
(S.V. “NOTIZIE DALL’UNIVERSO E DINTORNI – Rubrica d’Informazione avanzata – “ A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Arte, Scienze e Scrittura creativa. Regno dei Cieli. Stato Costituzionale Unitario delle Nazioni/Organizzazione universale di Eguaglianza economica assoluta – Società per azioni umane - Stato dell’Universo sulla Terra.  G.U e Vetrina: Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/
Centro biologico operativo. Blog di Sergio Valli http://vallisergio.blogspot.it/ Page Facebook: “Sandokan Sandokan”.   Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo. Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)


Nessun commento:

Posta un commento