martedì 31 maggio 2016

LA PASSIONE



 
 
Film di Silvio Mazzacurati, interpretato da Giuseppe Battiston, Silvio Orlando, Corrado Guzzanti, Cristiana Capotondi e Stefania Sandrelli, sorprendentemente “sorprendente” nella sua validità, non voluta, non  ricercata, non riconosciuta e non meritata, su una Italia alla deriva i cui disastrosi percorsi, le cui rovine, le pochezze intellettuali e le  immoralità economiche, esaltate  fino all’esasperazione più convincente nella sua espressione nazionalista della degenerazione planetaria, che il cinema d’autore, altrettanto alla deriva,  non sarebbe mai in grado di riprodurre consapevolmente sullo schermo.  La totale assenza di rettitudine e di speranza del Mondo alla Rovescia, evince con la propria brutalità e l’irresistibile disinteresse nella fine annunciata dal Delitto della Croce che - nella reiterazione ossessiva della falsificazione della storia dell’Uomo di Nazareth - il film affronta  in una dimensione se non nuova, se non innovativa, quanto meno originale, rendendola magistrale nella sua mediocrità  trascendente una Passione esaltata da una recita paesana in cui l’interpretazione di un Cristo mistificato, oltraggiato e vilipeso fino all’obesità - dapprima rifiutata ma poi forzatamente  accettata da un ex carcerato (il bravissimo Giuseppe Battiston) affetto da tale malformazione insolita per un Gesù tradizionalmente magro e sofferente  - si fa inaspettatamente gemma del pastrocchio che da pastrocchio diviene film, notevole e da vedere.  
 


(S.V. “IL CINEMA SECONDO LA CULTURA DELL’UNIVERSO – Recensioni cinematografiche – “ A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Scienze e Scrittura creativa. Vetrina: Blog di Sergio Valli    http://vallisergio.blogspot.it/  Official Page Facebook: “Sergio Valli Roma”. Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo. Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)


Nessun commento:

Posta un commento