domenica 3 aprile 2016

MI E’ CADUTA ADDOSSO LA TUA SOLITUDINE



Come la rovinosa

caduta di un passato

che non ti conosco.

Chi eri allora?


Eri viva eri bella esistevi?

Tra quali genti

passavi per strada

e chi si volgeva a guardarti?

E chi

chi si fermava a parlarti?

E la tua voce?

Com’era la tua voce?

Era viva,  parlava?

Quali parole diceva?


E tu eri bella come adesso sei bella

e splendida e dolce e deliziosa

fatta di carezze e di tenera carne

e di baci?  

E mi amavi senza conoscermi

come quando mi dici

di avermi sempre amato

ancora prima di conoscermi?

E perchè

perché se tu mi ami

e mi amavi ancora prima di conoscermi

e non sei passata

ma qui presente tra le mie braccia azzurre

dimmi dimmi perché

perché mi cade addosso rovinosa

la tua solitudine?


DIRETTA LIVE(S.V. “PENSIERINI DEL  TARDO MERIGGIO DEL TEMPO  – Poesie della Sera - ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Scienze e Scrittura creativa. Vetrina: Blog di Sergio Valli    http://vallisergio.blogspot.it/  Official Page Facebook: “Sergio Valli Roma”. Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo. Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)






Nessun commento:

Posta un commento