sabato 16 aprile 2016

IL CASO NOVACK



E’ tutt’altro che raro che il cinema attinga a fatti di cronaca per i suoi soggetti e le sue storie.
Abbiamo infatti visto al cinema pellicole come Pain&Gain - Muscoli e denaro (2014), diretta da Michael Bay, che raccontava l'oscuro episodio della Sun Gym Gang, i cui membri nella Miami degli anni '90 si erano resi responsabili di reati quali sequestro e omicidio, spinti dalla sete di denaro.
Altra storia vera che il grande schermo ha tinto di glamour è quella narrata in American Hustle, basata su veri criminali, tra cui Mel Weinberg, oggi 90 anni, interpretato da Christan Bale nel film con il nome di "Irving Rosenfeld", il quale ha anche guadagnato dai proventi del film diretto da David O. Russell. Per non parlare della storia di The Wolf of Wall Street, di Martin Scorsese, basata sulla vita di Jordan Belfort, imprenditore truffaldino oggi ancora di attualità e in auge reinventatosi "motivational speaker".
Ancora più recente è l’esempio de “Il caso Novack”, film della Sony Pictures andato in onda in America su Lifetime.
La pellicola, dal titolo originale Beautiful&Twisted, narra l'episodio di cronaca nera del duplice omicidio di Ben Novack Jr. (interpretato nel film da Rob Lowe), erede della fortuna ricavata dal lussuosissimo Fountainebleau Miami Beach Hotel - quello che si vede in Scarface e Agente 007 - Missione Goldfinger - trovato morto e mutilato il 12 luglio 2009 in una stanza di hotel a New York, seguito, tre mesi dopo, da quello della madre Bernice.
La notizia dell'omicidio di Novack all'epoca scosse l'élite a cui apparteneva (anche per l'agghiacciante dettaglio per cui fu trovato senza occhi), e la polizia cercò per molto tempo di districare la rete di sesso, bugie e vendetta dietro al matrimonio con la moglie ed ex spogliarellista Narcy (interpretata nel film da Paz Vega), e la identificò come prima sospettata di uno dei casi più inquietanti di sempre.
Nel luglio 2010, Narcy Novack (il nome completo è Narcisa Veliz Pacheco, di origini latinoamericane) fu arrestata per gli omicidi del marito e della suocera, quasi esattamente un anno dopo dal primo assassinio. Anche il fratello della Novack, Cristobal Veliz, fu accusato del delitto e di aver ingaggiato altre tre persone per collaborare in entrambi gli omicidi.
I due fratelli vennero portati in tribunale federale a New York nel 2012, e la loro difesa è consistita nel dare la colpa all'unica figlia di Novack, May Abad, avuta da un precedente matrimonio, che, secondo loro, avrebbe orchestrato gli efferati atti, avendo come movente la volontà di appropriarsi dell'eredità del padre, oltre ad una vasta collezione di cimeli relativi a Batman.
L'accusa sostenne che Narcy Novack temeva che il marito l'avrebbe lasciata per la sua amante, la pornostar Rebecca Bliss, aka Mona Love (che, intervistata, sosteneva che durante i due anni di relazione extraconiugale, Ben le diceva ogni giorno di amarla), e che l'accordo prematrimoniale che avevano le avrebbe lasciato solo 65.000 dollari, invece della strabiliante eredità del Fountainebleu Miami Hotel. Avrebbe quindi ucciso il marito mossa da "odio, avidità e vendetta." La morte della madre di Novack, Bernice, fu inizialmente classificata come accidentale, anche se sia nell’auto che sui muri di casa erano state rinvenute tracce del suo sangue. Dopo nuove indagini, anche il suo fu giudicato omicidio, organizzato dalle stesse mani.
La coppia Ben-Narcy Novack non era quello che si definirebbe "normale". Nel 2002, Ben Novack affermò che la moglie lo aveva legato ad una sedia per 24 ore e lo aveva derubato di 370.000 dollari in banconote, cimeli e gioielli con l'aiuto di alcuni delinquenti. Lei disse alla polizia che si trattava di un gioco erotico, e il marito si rifiutò di portarla in tribunale.
Un altro episodio stravagante, vide Narcy raccontare alla polizia che il marito le aveva prenotato un intervento di chirurgia plastica dopo averle rotto il naso in una litigata. Quando si risvegliò dall'anestesia, Narcy disse alla polizia che le fu fatta un'operazione al seno che non aveva richiesto.
Tra le altre cose, secondo la figlia May Abad, la matrigna Narcy Novack praticava il voodoo: "Quando ero piccola pensavo fosse solo un gioco. Ma quando sono cresciuta, mi sono resa conto che era una cosa seria e che non era una cosa da persone normali."
I due fratelli, Nancy e Veliz, furono entrambi accusati di omicidio, associazione a delinquere finalizzata all'omicidio, violenza domestica, stalking, riciclaggio di denaro e manipolazione di testimoni. Narcy Novack si avvalse del diritto di non apparire in tribunale per il verdetto, e non apparì nemmeno per la sentenza. Oggi è incarcerata al Metropolitan Detention Center di Brooklyn, New York. Il fratello ricevette l'ergastolo ed è tuttora nel penitenziario di Big Sandy, nel Kentucky.
Secondo la legge, ovviamente Narcy Novack non potrà ereditare la fortuna del marito, valutata a 4,2 milioni di dollari, che invece andrà alla figlia May Abad e ai suoi due figli.
Come abbiamo visto, thriller ispirato a fatti realmente accaduti in cui Ben Novack jr, erede milionario della fortuna del Miami Beach Hotel, sposa Narcy, una spogliarellista mozzafiato. Il loro intenso rapporto di coppia, basato su pratiche fetish e sadomaso, si trasforma  in un matrimonio patologico in cui coesistono morbosamente amore, perversità sessuali e sfiducia…fino a quando Ben Novack viene brutalmente ucciso e i sospetti cadono sulla moglie che risulterà in collaborazione del fratello la mandante del delitto e verrà condannata all’ergastolo anche per l’omicidio della suocera.
Perfetti gli interpreti principali nelle rispettive parti, con una straordinaria Paz Vega e il sempre bravissimo Rob Lowe;  e da notare la discordanza tutt’altro che irrilevante tra realtà e finzione cinematografica, per quanto riguarda la figlia di Novack, May Abad, figlia avuta da un precedente matrimonio secondo la cronaca e quindi figliastra di Narcy; figlia invece adottiva di Novack e figlia dunque di Narcy secondo il film.   
Incontrovertibile, salvo sorprese, risulterebbe comunque il fatto che May Abad è oggi l’erede milionaria della fortuna del Miami Beach Hotel.   
E ancora in piedi resta il dilemma (è lei o non è lei?)che riguarda la sensualissima Paz Vega, nelle vesti dell’altrettanto sensualissima nurse dell’omonimo film.
La quale n realtà non è lei. Ma trattasi di un’altra Paz (Paz De La Huerta) protagonista altrettanto  sensualissima del film Nurse…


(S.V. “IL CINEMA SECONDO LA CULTURA DELL’UNIVERSO – Recensioni cinematografiche  – ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Scienze e Scrittura creativa. Vetrina: Blog di Sergio Valli    http://vallisergio.blogspot.it/  Official Page Facebook: “Sergio Valli Roma”. Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo”. Pinterest/Pin It.: “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)

Nessun commento:

Posta un commento