lunedì 7 marzo 2016

VORREI BACIAR



I tuoi capelli neri…
Nell’antica canzone
de mi nonna
era facile proseguire
con le labbra tue 
gli occhioni tuoi sinceri
vorrei baciar…
ma qui oggigiorno
la scelta
l’offerta der pacchetto
è un po’ più ampia
e te manda in crisi.
Cosa scegliere de bacià
co tutto stò ben de Dio?
I feticisti sceglierebbero
che so?
un piede
un dito
na punta de na zinna.
Ma io che sò l’Etero
l’Oltre
la Guarigione,
anche se me vedete qui
Bambin Gesù
pertanto
e o de conseguenza
come un prodigio
er bambin Gesù prodigio
mica LA CURA…
anche se de luoghi de cura
col mio nome
ne avete a bizzeffe
nel vostro mondo de merda
ossia del male e della morte…
ma io non c’entro niente
proprio niente.
M’avete mai sentito parlà
de davve una curata?
Mai!
Io guarisco
ve guarisco dalla cecità
e ve faccio vedè anche sputacchiando
sputandove in faccia!
Ma adesso che te faccio pe uscì
pe uscì fora da l’enigma?
Io ve voio davvero guarì
mica curavve per favve
convive col le malattie
e favve aggravà
fino…
fino a morì!
Io  ve stò insegnando a vivere!
E allora, allora me prendo
tutto er pacchetto
de l’offerta
e scelgo scelgo scelgo
lei!
Lei tutta
la bella la bellissima
la bona
la bonissima.
Cavolo!
Guardatela bene
quanto è bona!
Dai capelli neri
alla bocca
da quegli occhi belli
a quel gran…  
a quel gran didietro da urlo
e addentrandoci
all’interno dell’offerta
nel profondo…
dal core, dal core
all’anima
all’anima dell’amore…
Bè che ve succede?
Non me applaudite?
Me sembrate rimbambolati
rincoglioniti
ce sete rimasti male?
Ve aspettavate
pe’ la cura
l’anima de li mortacci vostra?
Ve l’ho detto e ridetto
e io sò de parola
sò la Parola e il Verbo incarnato
perciò, perciò pe guarivve
pe sanavve
ve ce manno
tutti
a quel paese, tanto
tanto ce siete già…
e non veniteme adesso
a dimme
che non ce lo sapevate.
Io, io  nel frattempo,
nel frattempo
che voi riflettete,
me allontano
m’allontano un po’
con sto pezzo de…
per sanare
per sanarla tutta
dalla testa, dai capelli neri
alla punta dei piedi
de li feticisti
e con la mia medicina verdeazzurra…
i miei occhi
i miei occhi belli in quegli occhi belli
la guarisco…
parola de Gesù
Gesù Bambino
Bambin Gesù prodigio…
il precoce.
E adesso
adesso che me so agguadagnato
naltro titolo,
mentre voi continuate a riflette
pe decideve,
io che sò il fulmineo
magara adesso
magara adesso
che più che il bambinello prodigio
sò er fulmineo
zacchete!
m’allontano un  attimo
co sto pezzo de fica
pe approfondì
e daie na bella ripassata
na raddrizzata
na messa a punto
al motore,
al motore dell’amore
che voi
voi tutti
ce lo sapete andovè.
Oh no
non nel cazzo
non nel vostro cazzo moscio
e manco nell’anima


 ma nel core…


DIRETTA LIVE (S.V. “PENSIERINI DEL TARDO MERIGGIO DEL TEMPO - Poesie della Sera – ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Scienze e Scrittura creativa. Vetrina: Blog di Sergio Valli    http://vallisergio.blogspot.it/  Official Page Facebook: “Sergio Valli Roma”. Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo. Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)


Nessun commento:

Posta un commento