martedì 1 marzo 2016

PARLA IL PRINCIPE. Il 27 FEBBRAIO 1933 BRUCIAVA IL REICHSTAG DI BERLINO, LA SEDE DEL PARLAMENTO TEDESCO. DONNE SACERDOTESSE: IL DIRITTO ALL'UGUAGLIANZA IN CAMPO ECCLESIASTICO.




I due argomenti sembrerebbero ben distanti uno dall’altro. Ma li accumna l’influenza di altri animali oltre le Bertucce, gli Scimpanzè e i Gorilla che parlano, e li abbiamo pertanto scelti quale esempio di vita del Pianeta dei Primati, Pianeta delle Scimmie, delle Checche,  ma con influenze invertebrate e striscianti.  
Il 27 febbraio 1933 bruciava il Reichstag di Berlino, la sede del parlamento tedesco. La polizia trova dietro all'edificio in fiamme un noto agitatore politico di sinistra; Hitler e Göring fanno immediatamente ricadere la colpa dell'evento sull'intero partito comunista e dichiarano lo stato di emergenza.
Una foto ritrae Hitler e Goring sul balcone sintetico che all’epoca sostituiva la tivù e gli attuali mezzi di comunicazione elettronica di massa non ancora disponibili.
Il Nostro commento altrettanto  sintetico, coinvolgente anche chi guarda la foto è il seguente…Pupazzi, scimmie, burattini con i fili, idioti perfetti, ebeti contemplativi, sembrano e sono esattamente quelli di oggi e di sempre, si rigerano  come si rigerano i vermi,  CE N'E' PER TUTTI I GUSTI.
Auguri...Divertitevi. Strisciate pure. Andate con loro a passeggio o a letto. Ieri strisciavano in divisa poi in doppiopetto e cravatta. Oggi in jeans: sono sempre  gli stessi, sempre quelli e con loro i componenti del pubblico plaudente. Gli stessi che democraticamente invitati dall’umanicida,  grondante sangue umano,  Pilato, governatore di Roma in Israele, hanno votato in favore del primate brigante contro l’UOMO, decretandone l’UMANICIDIO.
La foto, non inquadra, purtroppo, i plaudenti sotto il balcone . Ossia gli altri  invertebrati striscianti.
Ma tanto a che serve? Vi riesce di dintinguerli? Che bravi, riuscite a distinguere i vermi! Siamo nel Mondo delle Copie conformi e del ricalco. Ma che bravi! Ma non è per caso che li riconoscete, perché anche voi…
“L’11 novembre 1992 il sinodo generale della Chiesa anglicana si riunì per decidere a proposito dell’apertura del sacerdozio alle donne. L’esito del voto, seguito in diretta televisiva, fu favorevole all’ordinazione sacerdotale femminile.
Come è noto, il sacerdozio femminile è escluso nella religione cattolica ed ortodossa. Già Giovanni Paolo II aveva reso nota la propria posizione al riguardo nella lettera apostolica Ordinatio sacerdotalis del 22 maggio 1994, e anche papa Francesco si è espresso sull’argomento: “per quanto riguarda l’ordinazione delle donne, la Chiesa ha parlato e ha detto no. Giovanni Paolo II si è pronunciato con una formulazione definitiva, quella porta è chiusa. Ma ricordiamo che Maria è più importante degli apostoli vescovi, e così la donna nella Chiesa è più importante dei vescovi e dei preti”.
La Chiesa sostiene che non ci siano motivi pregiudizievoli contro il sacerdozio delle donne, tuttavia il dubbio sorge spontaneo. Che cosa ha impedito alla Chiesa, nel corso dei secoli, di aprire alle donne la possibilità di far parte dell’Ordine Sacro? Risponde Giovanni Paolo II: “il fatto che Maria Santissima, Madre di Dio e della Chiesa, non abbia ricevuto la missione propria degli apostoli né il sacerdozio ministeriale, mostra chiaramente che la non ammissione delle donne all’ ordinazione non può significare una loro minore dignità o una discriminazione… Il ruolo femminile nella vita e nella missione della Chiesa, pur non essendo legato al sacerdozio ministeriale, resta assolutamente necessario e insostituibile”.
Che cosa ha impedito alla Chiesa nel corso dei secoli di aprire alle donne di far parte dell’ordine sacro?
E’ Dio, la Suprema Entità Divina, che lo impedisce, per tutela e difesa delle donne, fatte a Sua somiglianza e immagine,  le quali donne abbiano ancora conservato una parvenza di sesto senso, l’Anima umana, un minimo di intelligenza e di decenza intellettuale, altrimenti mere scimmiette, bertucce idiote.
Gesù Bambino fornisce comunque loro, alle pie donne anticristiane che vorrebbero seguire le orme dei pii, i gorilla gli scimpanzè e gli ebeti  blateranti contemplativi, la giusta risposta in una favolosa poetica romanesca, lingua cristiana ossia umana, di cui Gesù Bambino gestisce, in  Roma, una Scuola di Cristo.
Pie Donne vi ricorda niente l’Ecce Omo? O ricordate soltanto King Kong?
Così. tanto per soddisfare la vostra curiosità femminile, volete sapere quali sono i requisiti prescritti per bocca e volontà di Dio, necessari all’accesso alla Scuola di Gesù Bambino?
Niente adulti, poveracci, perché adulterati e idioti, mere scimmie senz’anima. Zavorra, feccia. Semplici anmali e/o cose inanimate.  Quindi, i bambini - già da Noi separati dai morti, dagli adulti - che abbiano ancora il sesto senso, come detto l’anima umana, l’intelligenza. E le donne con dentro, nell’anima, nel sesto senso che se sono donne dovrebbero possedere insieme ai bambini - a meno che non siano state irreversibilmente e irreparabilmente corrotte dai maschi idioti scimmioni o ebeti contemplativi blateranti  - o anche fuori, nell’aspetto esteriore.
Alte, snelle, sode, formose al posto giusto, con due zinne da favola, un gran sedere e per occhi…per occhi due stelle.
Sono le qualità interiori ed esteriori di Dio, la Suprema Entità Divina, la Vergine Regina Madre di Gesù, Suo Unigenito Figlio Principe dell’Universo.  
Dubitiamo molto, moltissimo, che le pie donne conservino o abbiano mai posseduti tali requisiti che, come detto,  sono stati prescritti da Dio per la Scuola di Cultura Umana, Scuola di Cristo,  retta dal Suo Unigenito, Gesù, il cui accesso, come ella può notare, è riservato ai bambini e alle sole donne, per compensarle del mancato accesso mei ranghi dei preti dell’Anticristo. 
Come dubitiamo che tali requisiti li possegga la pia donna redattrice della suddetta nota. Comunque, auguri per l’eventuale iscrizione…Gesù Cristo risorto.          

(S.V. “NOTIZIE DALL’UNIVERSO E DINTORNI – Rubrica d’Informazione avanzata  – ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Scienze e Scrittura creativa. Vetrina: Blog di Sergio Valli    http://vallisergio.blogspot.it/  Official Page Facebook
It.: “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)

Nessun commento:

Posta un commento