venerdì 25 marzo 2016

M'ERO PERSO LA LUNA E LE STELLE

M'avevano chiuso
rinchiuso
in uno studio
in un cesso
e là mi dicevano le scimmie
aspetta
astetta
la musa.
Io c'avevo creduto
e me pensavo che la musa
sta musa ispiratrice
dei poeti
fosse una donna bella
alta snella soda
formosa al posto giusto
con un gran...
bè co tutti li requisiti
richiesti per la bellezza
dell'ispiratrice
della poesia bella.
E là aspettavo a bocca aperta
la mano co la penna
a mezz'aria
e imitando i grandi
le grandi scimmie
aspettavo la spinta
un calcetto in culo
qualcosa che mi spingesse un pò sù
finchè me sò accorto
che tutti l'altri poeti
prendevano appunti
annotavano e  te copiavano
tutto ciò che trovavano
da copià dai libri co li scritti morti
di altre scimmie morte
prima che te morissero.
Finchè, a forza te aspettalla.
E io sò cocciuto...Ecco che un bel giorno
m'arriva. L'ispiratrice,
la musa.
Cazzo! Era la morte...
Favvanculo.
Ammazzà che brutta!
Prima che me ghermisse
ero già li
a cielo aperto
girovago itinerante errante
sotto la luna e le stelle
irrangiungibile per qualsiasi cosa
che non fosse viva
che non fosse la vita.
E la morte
morta
la morte già morta
prima che te morisse
se l'è presa
in saccoccia...
DIRETTA LIVE(S.V. “PENSIERINI DEL TARDO MERIGGIO DEL TEMPO – Poesie della Sera - ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Scienze e Scrittura creativa. Vetrina: Blog di Sergio Valli    http://vallisergio.blogspot.it/  Official Page Facebook: “Sergio Valli Roma”. Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo. Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)

Nessun commento:

Posta un commento