mercoledì 17 febbraio 2016

QUANDO NEL MONDO DELLA NUOVA TERRA SARETE CON ME NELL’OLTRE



 
Nel Prosieguo dello spazio e del tempo
verso l’Infinito,
scoprirete quanto vado adesso
a spiegarvi.
Lassù,           
lassù nello spazio e nel tempo
verso l’Infinito dei cieli,
non è come nello spazio chiuso finito
del Mondo basso,
dove tutto è già fatto concluso passato
trascorso remoto,
la notte e poi il giorno
sempre alla stessa ora
e sempre alla stessa ora
tutto si ripete, tutto è previsto, scontato,
stessa scadenza stesso orario
istante dopo istante minuto dopo minuto
ora dopo ora giorno dopo giorno
senza imprevisti novità mutazioni
ossessivamente
e ossessivamente tutto si reitera
incessantemente pro tempore  
nella contrazione e nella dilatazione
del Cerchio chiuso
per l’oscillazione e la rotazione
sul proprio asse
del Moto protempore.
Qui, sulla Terra,
siamo nel Cerchio chiuso
dell’Alfa e dell’Omega,
nello Spazio finito,  
dopo il Primordio
dopo l’Utero dell’Universo
dopo il Principio
dopo il tempo e lo spazio
dell’Universo della Luce
e le sue Ere…
l’Era lunare della Madre
l’Era solare del Figlio
l’Era astrale e infine l’Era collassale
e il Big bang…
eccoci sul pianeta Terra
nel tempo e nello spazio
negativo invertito
del Finito.
Lassù, nell’Oltre,
nel Prosieguo dello spazio e del tempo
verso l’Infinito,
nel Ipermondo - il Mondo parallelo iperbarico,
il Mondo della Nuova Terra -
è già in vigenza il nuovo Calendario,
il Calendario
dello Spazio e del Tempo
preinfinito della Nuova Terra.
Nell’Universo è l’Infinito,
ma ancora più su,
nell’avanguardia del Regno
dove il Principe dell’Universo
regna,
vige l’ignoto
l’ignoto da tramutare istantaneamente
infinitamente
in infinita creazione
creazione e creazione sempre e sempre
e per sempre
infinita creazione…
ogni passo un nuovo passo
ogni istante un nuovo istante;
ed è così che, infinitamente,
lo Spazio-tempo
viene creato
sempre e per sempre
infinitamente nuovo;
ogni passo un nuovo passo
ogni istante un nuovo istante…
E a questo punto
voi oscillanti traballanti
nati stanchi e assonnati
sulla Vecchia Terra
vi state forse rendendo conto
di cosa significa vivere infinitamente…
infinitamente nell’avanguardia del Regno
dove non c’è sosta, riposo,  ma solo e soltanto
movimento, movimento  fulmineo folgorante
infinitamente…
infinitamente movimento fulmineo e folgorante
per la creazione continua e incessante
dello sconfinato vivere
per sempre.
E a voi, sinceramente, ditelo pure,
non siate timidi, non abbiate timore,  
tutto questo, questa creazione,
vi sembrerà un inferno…
ma a me
a me che sono il Portatore di Luce
l’Uomo e il Figlio dell’Uomo
il Principe dell’Universo
l’Unigenito,  il Regnante,
l’Altissimo, il Divino…
il Comandante supremo
degli eserciti delle Valchirie
dell’Avanguardia del Regno…
unico uomo e unico maschio tra le più belle donne
dell’Universo
- a somiglianza e immagine della Suprema Entità Divina  
le divine Valchirie della Madre Sublime -
scusate, scusatemi,
scusate e scusatemi la franchezza,
ma per me e per le mie Valchirie
è il Paradiso…
il Paradiso dei cieli!!!



(S.V. “NOTIZIE DALL’UNIVERSO E DINTORNI – Rubrica d’Informazione avanzata – ” A full rights reserved Copyright © by Collezione Opere di Cultura dell’Universo, di Letteratura, Scienze e Scrittura creativa. Vetrina: Blog di Sergio Valli    http://vallisergio.blogspot.it/  Official Page Facebook: “Sergio Valli Roma”. Twitter: “Sergio Valli @Universalesimo. Pinterest/Pin It. “Bacheca: Blog di Sergio Valli”. Archivio: www.Radioland.it  N.B. E’ ammessa la riproduzione anche parziale dei testi purchè ne venga citata la fonte)





Nessun commento:

Posta un commento